Dopo 10 mesi della pandemia COVID-19 la situazione sanitaria, le relazioni internazionali e la situazione economica-finanziaria a livello mondiale sono fuori controllo. Stiamo subendo gli effetti pratici di uno degli aspetti più noti ed esotici della teoria del caos: l’effetto farfalla.

Edward Lorenz descrisse l’effetto farfalla in uno scritto pubblicato nel 1963. Secondo tale documento, un meteorologo fece notare che se le teorie erano corrette, un battito delle ali di un gabbiano sarebbe stato sufficiente ad alterare il corso del clima per sempre. COVID-19

Può, il batter d’ali di una farfalla in Brasile, provocare un tornado in Texas?

Anche Alan Turing, in un saggio del 1950, anticipava questo concetto:

«Lo spostamento di un singolo elettrone per un milliardesimo di centimetro, a un momento dato, potrebbe significare la differenza tra due avvenimenti molto diversi, come l’uccisione di un uomo un anno dopo, a causa di una valanga, o la sua salvezza.»

(Alan Turing, Macchine calcolatrici e intelligenza, 1950)

La domanda che ci dobbiamo porre è se noi, donne e uomini, più tutte le componenti di governance a livello politico, finanziario e di gestione delle relazioni internazionali saremo in grado di comprendere che dovremo cambiare, visti li scenari prospettati dal COVID-19.

Le mosse mette in atto dai governi di varie nazioni sembrano improntate unicamente a comunicare alla popolazione il fatto che l’Istituzione Stato si prende cura di loro anche se in realtà non sembra emergere in alcuna nazione una strategia coerente, condivisa e coordinata a livello internazionale. Anche le due grandi entità federali, USA e UE, non sono riuscite ad esprimere al proprio interno coordinamento e governance univoca.

La politica non sembra stia lavorando alla identificazione di nuove e necessarie modalità di gestione delle relazioni internazionali e alla definizione di un piano di gestione delle esigenze sanitarie a livello planetario.

Concentrarsi sul breve periodo sta fortemente condizionando gli interventi economico-finanziari che non sembrano esprimere alcuna visione per il futuro; preoccupante è l’apparente sottovalutazione degli effetti di medio lungo periodo che si manifesteranno a seguito della incontrollata crescita del debito pubblico.

La sfida fondamentale su cui si dovrà lavorare a breve sarà stabilizzare il sistema economico e delle relazioni internazionali garantendo benessere alle popolazioni e supportando il recupero dei flussi di scambio commerciale.
Ritengo che siano necessari nuovi processi di coordinamento a livello globale e che ambiente e salute siano poste al primo posto delle politiche e delle azioni governative dei prossimi 20 o 30 anni al fine di cambiare in modo definitivo la situazione.

Tutto ciò, pena l’irreversibile declino della civiltà come la conosciamo oggi.

Guardiamo le farfalle ma non permettiamo loro di cancellarci battendo le ali.


ENGLISH VERSION

After 10 months of pandemic, health situation, international relations and global economic and financial situation are out of control. We are undergoing practical effects of  most exotic aspects of chaos theory: butterfly effect.

Edward Lorenz described butterfly effect in a paper published in 1963.

He set the follow question: Could the flapping of a butterfly’s wings in Brazil cause a tornado in Texas?.

Today, more than ever, the question we must ask ourselves is whether mankind (people, political, financial and international organizations) will be able to change. COVID-19

The actions implemented by the governments of various nations seem to be aimed solely at communicating to the population the fact that the State Institution takes care of them.  Even if in reality ‘a coherent, shared and coordinated strategy at an international level does not seem to emerge in any nation. Even the two large federal entities, the US and the EU, have failed to express univocal coordination and governance within themselves.

Politics does not seem to be working on identifying new ways of managing international relations and health needs at a global level.

Focusing on the short term is strongly influencing the economic and financial interventions that do not seem to express any vision for the future, worrying the apparent underestimation of the medium-term effects that will occur as a result of the uncontrolled growth of public debt.

Fundamental challenge on which we will have to work shortly will be to stabilize the economic system and international relations, guaranteeing well-being to the populations and supporting the international exchange.recovery. Coordination processes are needed on a global level; environment and health must be placed at forefront of policies and actions over next 30 years to change the situation definitively.

All this is worth the irreversible decline of civilization as we know it today. COVID-19

MASSIMO INTROZZI

Born in Como in 1957 he graduated at the Liceo Scientifico in 1976, he enrolled in Electronic Engineering for Bioengineering at the Politecnico of Milan  he graduated in 1984. He carried out military service from 1978 to 1980 as Second Lieutenant Instructor at Alpine Military School. From 1985 to 1990 he worked with increasing responsibilities in several International Corporation. Since 1990 he has founded and managed Consulting and ICT own companies.  MADE INVESTMENTS, and 3I PARTNERS partner. informal investor since 2007 he was  also IBAN’s (Italian Business Angel Network) board member . He seat  several Boards.